Alla Columbia University di New York si studia l’effetto benefico di diete specifiche sui farmaci antitumorali

Alla Columbia University di New York si studia l’effetto benefico di diete specifiche sui farmaci antitumorali

1 Luglio 2018 0 Di Luigi Putignano

Tempo stimato di lettura: 107 secondi

Siddhartha Mukherjee, uno dei più importanti oncologi mondiali, inizierà una ricerca clinica sui possibili effetti benefici della dieta sui farmaci antitumorali, parte di uno studio condotto dalla Columbia University Medical Center di New York: obiettivo, quello di analizzare l’efficacia di una dieta ad alto contenuto di grasso e a basso contenuto di carboidrati sui pazienti affetti da linfoma e cancro dell’endometrio. I pazienti verranno trattati con un farmaco antitumorale, l’Aliqopa, che in passato ha avuto effetti limitati in questo tipo di soggetti. Recenti studi, tra cui uno condotto da Mukherjee e pubblicato da poco su Nature, però hanno dimostrato che il loro effetto potrebbe migliorare significativamente se accoppiati con una dieta mirata a ridurre il livello di insulina. È stata scelta la dieta chetogenica, che prevede una forte riduzione dei carboidrati e un aumento degli alimenti proteici e ricchi in grassi.

I farmaci come Aliqopa sono stati progettati per colpire una delle più comuni mutazioni, chiamata PI3K, presente in oltre il 40% dei tumori al seno. Mukherjee e i suoi collaboratori hanno notato che un’alta percentuale di pazienti a cui era somministrato questo farmaco aveva sviluppato diabete scoprendo che il farmaco interferiva con uno dei principali circuiti metabolici dell’organismo. Che aumentava la produzione di insulina. E questa, a detta del luminare, potrebbe essere la spiegazione per la quale il farmaco non ha effetto.

Lo studio sarà il primo di una serie di ricerche che andranno a investigare quali tipi di dieta si possono far provare ai pazienti per migliorare e potenziare l’effetto dei farmaci.

In Italia, su un tipo di dieta “mima-digiuno” si sta lavorando all‘Istituto dei tumori di Milano. Intanto i ricercatori dell’università newyorkese hanno sconsigliato ai malati di tumore di iniziare diete specifiche, come la chetogenica, dopo aver letto gli ultimi studi. Non ci sono, per ora, ancora prove scientifiche che questa dieta potrebbe avere degli effetti positivi sul cancro. Per la leucemia per esempio sembrerebbe che la chetogenica acceleri il progresso della malattia. È essenziale rivolgersi sempre agli specialisti e mai il “fai da te”.