Uno studio sui bambini con sensibilità al glutine non celiaca spiega le proprietà del grano khorasan Kamut®

Uno studio sui bambini con sensibilità al glutine non celiaca spiega le proprietà del grano khorasan Kamut®

4 Ottobre 2017 0 Di Redazione

Tempo stimato di lettura: 215 secondi

La sensibilità al glutine non celiaca (NCGS) è un disturbo recente, ma in continuo e rapido aumento, non solo tra gli adulti, ma anche tra i bambini. Si tratta di una patologia ben distinta dalla celiachia e dall’allergia al grano, e si pensa che i sintomi riscontrati sia negli adulti che nei bambini siano dovuti a una reazione non solo al glutine, ma anche ad altre proteine del grano.

Da un recente studio relativo alla sensibilità al glutine non celiaca (NCGS) nei bambini, condotto dai ricercatori delle Università di Bologna e Ferrara e pubblicato sull’International Journal of Food Science and Nutrition ad aprile 2017, è emerso che le caratteristiche infiammatorie delle proteine del grano sono molto più evidenti nelle varietà di cereali moderne rispetto alle varietà antiche, quali il grano khorasan Kamut®. Questi risultati confermano quelli di un precedente studio condotto su adulti con sensibilità al glutine non celiaca (NCGS).

L’obiettivo della nuova ricerca è stato quello di valutare la reazione immunitaria alle proteine del grano da parte di cellule mononucleate del sangue periferico, ovvero globuli bianchi, provenienti da bambini affetti da sensibilità al glutine non celiaca (NCGS). In un secondo momento i ricercatori hanno anche osservato se le varietà di grano antiche e moderne siano tollerate allo stesso modo dai piccoli pazienti, in particolare durante la fase di graduale reintroduzione del grano dopo una dieta gluten-free. Anche in questo caso sono state evidenziate delle differenze tra prodotti a base di varietà di cereali moderne rispetto alle varietà antiche, in quanto con la reintroduzione in moderate quantità delle varietà antiche i sintomi riapparivano più lentamente e gradualmente nei pazienti.

Il risultato della ricerca

Il risultato di questo studio rappresenta un importante passo in avanti, in particolare per i bambini che soffrono di sensibilità al glutine non celiaca e che hanno la necessità di trovare cereali alternativi per non dover seguire una dieta gluten-free per tutta la vita.

Oggi la maggior parte dei prodotti a base di grano deriva da varietà moderne, introdotte durante la Green Revolution nella seconda metà del secolo scorso. Le varietà moderne di grano, benché migliori dal punto di vista della produttività e della qualità tecnologica, sono caratterizzate da una qualità nutrizionale inferiore e da una minore ricchezza di nutrienti rispetto alle varietà antiche. Inoltre, le migliori caratteristiche tecnologiche delle varietà moderne sono in gran parte dovute alle proteine – in particolare gliadine e glutenine – che costituiscono il glutine, responsabile proprio dell’insorgenza della celiachia e di altre patologie come la sensibilità al glutine non celiaca.

Enzo Spisni, docente di Fisiologia della Nutrizione dell’Università di Bologna e autore dello studio, ha dichiarato che “le proteine del grano sono molto cambiate negli ultimi 60 anni a causa dell’intensa selezione genetica che il grano ha subito. Queste modificazioni hanno principalmente coinvolto il glutine. I cereali antichi come il grano khorasan Kamut®, che non hanno subito questa forte selezione, contengono un glutine meno strutturato e di conseguenza più digeribile. Da un punto di vista nutrizionale, non vi è dubbio che questi cereali antichi abbiano un profilo salutistico superiore rispetto ai grani moderni, caratterizzati da una elevata forza del glutine”.

Il grano khorasan Kamut® è un grano antico, mai ibridato né geneticamente modificato e proveniente da agricoltura biologica: proprio per questo i prodotti a base di questo antico cereale rappresentano un’alternativa ai prodotti a base di grano moderno.

I dettagli dello studio

Nello studio pilota sono stati coinvolti 11 bambini con sensibilità al glutine non celiaca, 18 bambini affetti da celiachia e 16 bambini sani. Da ciascun bambino sono stati prelevati campioni di sangue e le cellule mononucleate del sangue periferico sono state isolate e messe in coltura a contatto con gli estratti proteici ottenuti da cereali sia antichi che moderni. I risultati hanno dimostrato che gli estratti proteici delle varietà moderne hanno provocato nei bambini con sensibilità al glutine non celiaca una maggiore produzione di CXCL10*. L’analisi ha evidenziato che l’aumento di CXCL10 dipende dalla varietà di grano da cui sono estratte le proteine: quelle provenienti da varietà moderne scatenano processi infiammatori in misura maggiore rispetto alle proteine estratte dai grani antichi.

* una citochina infiammatoria espressa ad elevati livelli anche in chi soffre di Sindrome del Colon Irritabile e Celiachia non trattata e in altre malattie autoimmuni